Le credenze che fanno dimagrire – video conferenza

Si parla sempre di cibi che fanno dimagrire o che fanno ingrassare, ma mai di schemi di pensiero inconsci che possono renderci magri o portare all’accumulo di “ciccia”.

 

Lo so che può sembrare strano, ma questo spiega perché tantissima gente è incostante con diete e/o attività fisica.

 

Come coach lavoro su queste problematiche. A dir la verità da me vengono quando le hanno provate tutte inutilmente sfidando ogni legge fisica.

 

Quello che ho scoperto in questi anni di ricerca è che le credenze profonde hanno un potere incredibile sulla nostra vita.

La gestiscono al di là della consapevolezza razionale. Io posso volere qualcosa razionalmente e inconsciamente andare nella direzione opposta.

 

Voglio farti un esempio concreto legato al peso.

Una mia cliente in 20 anni di tentativi non hai perso un grammo: iniziava una dieta per poi mollarla dopo qualche giorno.

E questa dinamica l’ha portata avanti per anni. Alla fine venne da me.

 

Scoprii una cosa interessante: nel suo profondo vi era la credenza

“Chi è magro è malato”.

 

Ovviamente questo pensiero derivava da apprendimenti genitoriali. Era un pensiero dei nostri genitori, gli attuali nonni (per fortuna non tutti pensavano questo).

Esultavano di gioia per un bambino paffutello cicciottello e si disperavano per uno normalmente magro: “Mangia qualcosa, sembri malato!”.

 

Un pensiero di questo genere la boicottava inconsciamente in quanto perdere peso voleva dire ammalarsi. Ecco perché non perdeva neanche un etto.

 

Non appena questa credenza fu rimossa, nei giorni successivi iniziò a perdere peso grazie ad una dieta che riuscì miracolosamente (?) a seguire.

Nei mesi successivi perse 15 kg.

 

Giovedì 20 Novembre alle ore 22,00 terrò una conferenza on line GRATUITA

LE CREDENZE PER DIMAGRIRE

insieme alla mia amica, coach e scrittrice Debora Conti

 

All’orario e data concordata guardala grazie a questo player

Se non visualizzi la conferenza, aggiorna la pagina

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *