PNL e Strategie per il Successo

Quando si parla di PNL non si può non parlare di strategie per il successo. Questo è inevitabile proprio per lo spirito della PNL stessa. Di conseguenza, chi si occupa di PNL tende a studiare a sperimentare diverse strategie modellando e osservando individui che riescono brillantemente nelle loro imprese.


Questo articolo nasce proprio da alcune mie considerazioni derivanti dalla studio di alcuni modelli di eccellenza, imprenditori e professionisti che hanno raggiunto vette elevate.


Quali sono le strategie che possono aiutarci ad avere successo?


Una caratteristica è quella di fissarsi degli standard elevati, difficili ma non impossibili. In questo modo non ci si pone dei limiti soggettivi. Spesso ci si autolimita nei traguardi che è possibile raggiungere. Un elemento ricorrente nelle persone di successo è l’atteggiamento ultra-possibilistico, determinato ma allo stesso tempo flessibile.


Questo vuol dire che se qualcosa non funziona, si rimane aperti ai suggerimenti esterni e, se è il caso, si mutano le strategie e/o l’obiettivo da conseguire.

Essere possibilisti non vuol dire essere ingenui; se da un lato si è ottimisti, dall’altro ci si “copre le spalle” per eventuali contraccolpi. In altre parole, essere positivi ma con i piedi per terra.


Un’altra caratteristica è fissarsi obiettivi nel lungo periodo. Un grande errore che spesso vedo compiere da alcuni dirigenti e direttori di filiali è preferire “un uovo oggi ad una gallina domani”. Gli individui che hanno successo hanno le idee molto chiare su dove vogliono arrivare e pianificano le oro attività per raggiungere grandi obiettivi nel lungo periodo. Ci vuole pazienza, saper aspettare e agire al momento giusto.


Un altro elemento importante è il controllo dell’ira e la capacità di indirizzarla verso obiettivi specifici. Un leader che perde le staffe spesso e volentieri non è lucido nelle decisioni. Fare scelte accecati dall’ira è una pessima idea. Una cosa è avere un atteggiamento “duro” quando è necessario, un’altra è non saper gestire le proprie emozioni quando si è al comando di un’impresa. Ti fideresti mai del comandate di una nave iroso ed emotivo che sta per attraversare il Triangolo delle Bermuda? Personalmente non vi salirei mai a bordo: il rischio che commetta qualche grosso errore è molto alto.


Se vuoi saperne di più, ascolta il mio intervento in radio relativo a PNL e strategie per il successo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *