Sei Master di PNL? Diventa Trainer

Questo articolo è riservato a chi è certificato NLP Master Practitioner e desidera fare della PNL una professione.

 

Quando ero un Master Practitioner, spesso mi dicevano: “Ma a cosa ti serve diventare Trainer? È inutile!”.

 

 

Spesso questa osservazione mi veniva fatta da chi era Trainer e aveva una scuola di formazione. Naturalmente, mi venne un leggerissimo sospetto sul non voler altri concorrenti in giro.

 

 

Non vi è una grossa volontà nel creare altri Trainer in giro.

Il problema è che molti ne fanno solo un discorso di pezzo di carta senza tenere in considerazione che bisogna sviluppare una nuova attitudine mentale oltre a notevoli abilità di public speaking.

 

Quindi, a cosa serve diventare Trainer di PNL?
Diventare Trainer of NLP serve per acquisire le capacità per organizzare e tenere i corsi istituzionali di PNL (Practitioner e Master). Inoltre, se ti certifichi tramite me, potrai rilasciare le certificazioni americane tramite la National Federation of Neurolinguistic Programming (FL – USA).

 

Il corso è ricco di nuove tecniche della PNL, tantissime esercitazioni per sviluppare carisma e abilità persuasive in pubblico.

 

Il lungo percorso è studiato per darti tutti gli strumenti per farti diventare un vero Trainer di PNL, non solo sulla carta. Infatti, oltre al corso, è previsto un tutoraggio di un anno per sviluppare le abilità richieste.

 

Il corso si terrà su Milano e Rimini e ti farà avere due certificazioni:

  • Trainer of NLP
  • Neurolinguistic Coach

 

Le date (3 weekend + 2 weekend lunghi), 90 ore circa di formazione in aula:
– 2 e 3 Giugno (Milano)
– 21 e 22 Luglio (Milano)
– 6 e 7 Ottobre (Milano)
– 16, 17 e 18 Novembre (Rimini)
– 14, 15 e 16 Dicembre 2012 (Rimini)

 

Se sei un Master Practitioner (anche con altri istituti) trasforma la PNL in una professione, ti insegnerò tutto quello che c’è da sapere per lanciare l’attività di Trainer.

 

Leggi il programma completo: https://www.vincenzofanelli.com/corsi/corsi-pnl/trainer-of-nlp

PNL, una questione di abilità

La PNL si apprende solo leggendo libri, seguendo un corso o guardando un DVD?
Una lezione importante sulla PNL è la seguente:
la Programmazione Neurolinguistica si apprende solo con tanta, tanta pratica.

 

Una volta ho sentito un tizio dire:
“Sono un esperto di PNL, ho letto molti libri e secondo me non funziona”.
A questo punto gli ho chiesto:

“Ah bene, un esperto. Senti, ma quanti anni di pratica hai alle spalle?”.
E lui:

“Nessuno, ho letto tutto quello che c’è da sapere e ho capito tutto!”.

 

Mi sembra ovvio che questa persona non sapeva di cosa stava parlando. È come se qualcuno dicesse:

“Ho letto un sacco di manuali su come si guida un auto e sono un esperto di guida anche se non ne ho mai guidata una!”.

Il parallelismo è calzante perché la PNL è una questione di abilità.

 

Quando qualcuno desidera acquisire una serie di abilità complesse (ad esempio, ballare tango argentino), non solo deve seguire il corso, ma praticare tanto prima di poter dire: so ballare!

 

Questo avviene anche nella PNL: non basta seguire corsi, ma bisognerebbe ripeterli più volte (per i miei corsisti è gratuito) per fare pratica e accumulare esperienza sul campo.

 

Personalmente mi occupo di PNL da oltre 15 anni, ma solo da qualche anno posso affermare di aver capito qualcosa. Un atteggiamento umile e aperto permette di crescere e di apprendere nuove conoscenze.

 

Questa precisazione è doverosa perché chiarisce le motivazioni circa l’inefficacia di alcuni operatori. Senza un’adeguata esperienza si ottengono cambiamenti temporanei.  

 

Una delle abilità maggiori che un Coach di PNL deve acquisire è saper individuare il punto giusto dove operare. Per questo motivo è fondamentale saper usare BENE il Metamodello per individuare credenze, strategie, esplorare contesti, ecc.. Se non si conosce il punto esatto, le tecniche sono inutili…. ma queste sono solo le basi di un “piennellista” alle prime armi.

 

Se è possibile apprendere la PNL attraverso video, libri e corsi multimediali, è però consigliabile esercitarsi parecchio. È possibile organizzare gruppi di lavoro con amici che hanno la stessa passione in modo da apprendere realmente queste abilità.

 

Durante i corsi, alcuni corsisti si rifiutano di eseguire gli esercizi in gruppo (per fortuna, si contano sulle dita di una mano) perché pensano di aver capito tutto nella loro mente.

 

La mancanza di pratica si risolve in scarso apprendimento. Per questo motivo in aula insisto parecchio sugli esercizi sotto la mia supervisione.

 

Spesso si crede che un esperto di PNL si riconosca da come si veste (vestiti costosi), da come parla (spavaldo, sicuro di sé al limite del credibile, ecc.) e da come si pavoneggia in aula. Questa è una falsa credenza e non sempre vuol dire che quello coincida con quello che sa.

 

Un esperto di PNL non deve dimostrare di conoscerla, perché ha realmente appreso la disciplina.

 

Generalmente un bravo Trainer di PNL è davvero pervaso da un cambiamento che influisce sulla sua identità. Uno “pseudo” Trainer di PNL “vende” un modo di insegnare che non coincide con il suo Sé. In altre parole, indossa una maschera per venderti il corso.

 

Quindi, sonda molto bene chi hai di fronte e fidati solo di chi è davvero congruente.