La Programmazione Quantica dei bambini

La programmazione inconscia parte sin da bambini e diventa fondamentale rendersi conto che l’impatto genitoriale, sociale, mediatico e scolastico può formare persone di successo oppure degli infelici.

Come ci relazioniamo con i nostri figli, l’esempio che diamo come adulti significativi, il fatto di mettere dei limiti o meno al loro agire, incide significativamente sul loro futuro.

Sin da piccoli si assorbono informazioni come spugne, ma anche in seguito la programmazione continua ad incidere sulla mente.

Non sono solo i genitori ad avere un ruolo cruciale in questo processo, ma anche gli insegnanti delle scuole materne, elementari e medie possono generare una programmazione positiva o negativa in base alle loro azioni. Per non parlare dei media e del gruppo sociale.

Un insegnante che investe i bambini con le sue frustrazioni, probabilmente influenzerà negativamente il loro futuro, Paradossalmente, anche un genitore con non mette limiti al proprio figlio proteggendolo ad oltranza, probabilmente crea individui che da adulti potrebbero cadere nel delirio di onnipotenza per poi sbattere la faccia contro i limiti della realtà.

Guarda lo streaming del 27 Ottobre 2017 alle ore 22,00
LA PROGRAMMAZIONE QUANTICA DEI BAMBINI
Clicca sul player sottostante alla data e orario indicato

Oppure clicca qui: https://youtu.be/Ij33RgLsY6k



Continua la tua formazione con questi articoli:


4 commenti a “La Programmazione Quantica dei bambini

  1. Ciao a tutti io ho due gemelli di sette anni il primo anno di scuola è stato terribile abbiamo fatto visite neuropsichiatriche e test su intelligenza risultati negativi finito il percorso le maestre hanno pensato di fargli ripetere gli esercizi del anno scorso perché sono rimasti indietro secondo te è una giusta valutazione?

    1. E’ difficile entrare nel merito delle loro valutazioni. Se i bambini sono a posto, probabilmente si tratta di metodo di studio. Aiutateli con i compiti anche voi come genitori cercando di capire qual è il metodo migliore per farli apprendere al meglio. Ciao

  2. Ottimi consigli ma è dura riuscire a tenere testa quando ti gridano in tre i miei quando è il momento di fare i compiti piangono che non vogliono farli come devo approcciarmi con loro?

    1. Questa è la parte più difficile: mantenere il sangue freddo e la direzione. I bambini sono stupendi, ma sanno molto bene come ottenere quello che vogliono. Abbi pazienza e pratica i consigli che ho dato. Non vedrai subito forti miglioramenti, ma alla fine si. Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *