Accessi Oculari – PNL

E’ un sistema per individuare il Sistema Rappresentazionale utilizzato dall’interlocutore (scansione degli accessi oculari).
Quando siamo nel grembo materno, ad uno stato fetale, i nostri occhi sono direttamente collegati con il cervello. Nel processo di formazione, gli occhi si distaccano e rimangono collegati con il cervello tramite il fascio di nervi ottici. Quindi, sono ancora collegati con l’emisfero cerebrale. Infatti quando si accede a una serie di informazioni mentali, gli occhi tendono a spostarsi in una direzione piuttosto che in un’altra.

Ai movimenti oculari possono essere associati i tre canali: Visivo, Auditivo e Cenestesico. Infatti, quando il nostro interlocutore sposta gli occhi verso l’alto accede al mondo delle informazioni visive; quando sposta gli occhi su una linea orizzontale, accede alle informazioni auditive; quando sposta gli occhi verso il basso, accede al mondo cenestesico.

 

Vr – Visivo Ricordato (occhi in alto a sinistra): l’interlocutore accede alla memoria visiva in merito ad eventi esistenti, reali e depositati nei suoi ricordi.

Vc – Visivo Costruito (occhi in alto a destra): l’interlocutore accede all’immaginazione visiva, creando e inventando eventi visivi non accaduti.

Ar – Auditivo Ricordato (occhi in orizzontale a sinistra): L’interlocutore accede alla sua memoria auditiva ricordando eventi legati a discussioni e ragionamenti realmente accaduti.

Ac – Auditivo Costruito (occhi in orizzontale a destra): l’interlocutore accede alla sua immaginazione auditiva per cerare eventi legati a ragionamenti e discussioni di pura fantasia.

K – Cenestesico (occhi in basso a sinistra): l’interlocutore accede alla sua mappa legata alle sensazioni, emozioni, gusto, olfatto ecc..

Ai – Auditivo Interno-dialogo interno (occhi in basso a destra): l’interlocutore accede a un dialogo interiore.

 

5 commenti a “Accessi Oculari – PNL

  1. volevo porti una domanda:
    la descrizione che hai scritto quì sopra riguardo ai vari accessi oculari vale anche per le persone mancine?
    mi spiego, siccome i mancini usano in maniera predominante il lato dx del cervello invece che il lato sx, questo fatto influisce sulle nostre informazioni mentali?

    1. Ciao Simone, non sempre si inverte. Cmq, nei corsi esorto i partecipanti a non fissarsi sulla distinzione tra dx e sx proprio per il fatto che in alcuni casi si inverte e anche perchè, per esperienza, non sempre è così verititiero. Quella che davvero conta è la direzione: in alto (dx o sx) accesso visivo, in orizzontale (dx o sx) accesso auditivo ecc..

  2. Ciao
    io pratico la ricapitolazione
    nella ricapitolazione si tratta di fare due cose di ricordare e di visualizzare un film
    ora io dico questo
    quando voglio ricordare delle cose devo accedere tramite gli occhi giusto? Ma come faccio a vivere il ricordo interamente? Cioè se volessi visualizzare un immagine in movimento tipo un tuffo nell’acqua oppure una camminata veloce come potrei fare?
    Grazie

    1. Ciao, l’accesso ai ricordi è soggettivo e dipende dalla strategia che si possiede. Infatti, nella ricapitolazione di cui parli vi sono diverse strategie per farlo e non è uguali per tutti.
      Il Cenestesico potrebbe andare bene, ma non saprei dirtelo. Prova che i 3 canali (Visivo, Auditivo e Cenestesico) per scoprire qual è il più efficace. Ciao

  3. dovrei usare il cinestetico? Ho letto su questo sito che il cinestetico aiuta a creare delle immagini in movimento
    infatti lo sto usando e vedo sempre più situazioni che mi avvicinano emozionalmente all’oggetto di ricapitolazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *