Enneagramma Test

Quando si parla di Enneagramma, inevitabilmente si pensa anche ad un valido test per individuare gli enneatipi. Ve ne sono una gran quantità in giro, la maggior parte di questi non molto affidabili.

 

In questo articolo ti darò una serie di indicazioni sui test dell’Enneagramma per comprendere come cercarne uno valido.

 

Iniziamo con i mini test, quelli con una ventina di domande per intenderci: generalmente non sono molto affidabili, non fosse altro per la mancanza di:

 

– domande di controllo – più domande per confermare l’enneatipo.

– domande per individuare le contraddizioni.

 

Test sull’Enneagramma con poche domande devono essere fatti con la massima precisione e sincerità proprio perché non molto affidabili. Se fatti superficialmente, daranno esisti sfalsati.

 

Quindi, un buon test dovrebbe avere almeno un centinaio di domande proprio per le motivazioni appena viste.

 

Allora, come trovarne uno valido? Oltre al numero di domande, verificherei anche chi è l’autore: è un nome storico? Ha fatto delle pubblicazioni? Di questo test ne parlano in giro?

 

Se vuoi fare un test tradizionale vai su www.enneagramma.com

Iscriviti e fai gratuitamente il test sull’Enneagramma.

http://www.enneagramma.com/gratis-enneagramma

 

Personalmente, sono approdato ad un’altra soluzione integrando l’Eneagramma con la PNL e la Comunicazione Non Verbale. Non tutti condividono questo sistema e, in seguito, ti spiegherò perché.

 

In PNL si trattano i sistemi rappresentazionali: Visivo, Auditivo e Cenestesico. In breve, ognuno di noi tende a preferire una determinata qualità di informazioni: c’è chi ama i mondo delle immagini, chi quello dei suoni, altri quello delle sensazioni. Naturalmente, abbiamo tutti e cinque i sensi attivi, ma ne prediligiamo uno in particolare. In realtà, è come se preferissimo una sequenza: ad esempio, c’è chi ama ricevere informazioni prima in Visivo, poi in Auditivo e infine (per esclusione) in Cenestesico (una sequenza inconscia). Quando le informazioni non seguono la strategia inconscia, l’individuo dell’esempio è poco in sintonia con gli sta parlando.

 

Il primo canale (paragonabile ad una chiave), si chiama Canale di Accesso.

 

Ora, ti ho fatto questa importante premessa per arrivare a dirti che ogni enneatipo ha il suo canale di accesso; quindi, se comprendo l’accesso di chi ho di fronte, so anche tra quali tipologie dovrei indagare. Infatti, nell’Enneagramma tre tipologie sono Visive in accesso, tre sono Auditive e tre sono Cenestesiche.

 

In PNL, il canale di Accesso si comprende guardando i movimenti oculari laterali: in alto Visivo, in orizzontale Auditivo e in basso Cenestesico.

 

Quindi, grazie ad una domanda mirata e ai relativi movimenti oculari so che la mia indagine dovrà soffermarsi solo su tre enneatipi. Poi, grazie all’integrazione con la gestualità prevalente (e qualche domanda mirata), potrò comprendere a quale tipologia corrisponde il mio interlocutore.

 

Questo processo, con il giusto allenamento, dura pochissimo. Potresti farlo senza che l’altro sappia che stai cercando di comprendere il suo enneatipo.

 

Non tutti condividono questo sistema perché non trovano corrispondenze tra sistemi rappresentazionali e tipologia dell’Enneagramma. Questo si verifica perché pongono la domanda errata per comprendere il canale di accesso! In molti corsi PNL ti dicono:

 

“Parla con qualcuno e vedi dove vanno gli occhi!”. Non funziona così.

 

Non esiste solo il canale di Accesso, ma anche quello di Elaborazione e Profondo. Ognuno di loro si estrae con specifiche domande e argomenti. Quindi, dire a qualcuno: “Parla e vedi dove vanno gli occhi” è quanto meno superficiale. Chissà quali canali ti sta dando ed ecco perché il più delle volte non funziona.

 

Applico questo sistema dal 1998 e funziona nel 90% dei casi; in rari casi non vi è corrispondenza: l’interlocutore è in fase di stress, sta vivendo un momento particolare o non sono io ad essere abbastanza concentrato. Infatti, si tratta di un’abilità da sviluppare: fare le domande giuste, osservare gli occhi (a volte i movimenti sono rapidissimi) e come gesticola. Questa capacità si affina con l’allenamento.

 

Attenzione: altri sistemi come giochi ruolo, di gruppo e test cartacei sono altrettanto validi. Dipende sempre dall’obiettivo che si ha. Infatti, l’integrazione con la PNL e gestualità è molto efficace nell’ambito relazionale: comprendere subito chi ho di fronte per sapere cosa fare e cosa evitare per andarci d’accordo. Ogni scuola utilizza il sistema che preferisce in relazione alle finalità che si prefigge, quello che conta è che funzioni.

 

Per saperne di più:

 

 

 Enneagramma: i 9 tipi

Scarica adesso

 

 

 

 

 

Migliora le tue relazioni con l’Enneagramma e la PNL 

Edizioni Essere Felici

Di Vincenzo Fanelli